Floridia . - TOURING SICILY

Vai ai contenuti

Menu principale:

Floridia .

Touring Siracusa > Vivere Siracusa > Provincia di Siracusa

Floridia



Floridia (Ciuriddia in siciliano) è un comune italiano di 22.748 abitanti[1] del libero consorzio comunale di Siracusa in Sicilia. È il sesto comune più popoloso della provincia dopo Siracusa, Augusta, Avola, Lentini e Noto.
Floridia è un centro relativamente moderno, che sorge nella fertile valle dell'Anapo a 111 m s.l.m. Essa dista 10 km da Siracusa e 60 km circa dall'aeroporto di Catania-Fontanarossa. È situata ad ovest del capoluogo di provincia, nell'entroterra, e a sud dei Monti Climiti.

Storia

La città di Floridia è stata fondata il 31 marzo 1627, da Lucio Bonanno Colonna diventato così Duca di Floridia. Da notare che Lucio Bonanno era fratello di Horatio Bonanno, primo Principe di Linguaglossa e fratello di Giuseppe Bonanno, secondo Principe di Linguaglossa. Lucio Bonanno ha anche fondato l'Opera Bonanno (a scopo benefico) e il Circolo della Cattedrale di Siracusa.
Floridia nasceva nelle terre dell'anonimo feudo, chiamato prima di allora Xiridia dove esisteva soltanto una Chiesa Beneficiale nella quale si celebrava la messa ogni domenica. Le abitazioni di Floridia furono molto danneggiate dal terremoto del 1693. Subito dopo si diede però il via ad un'opera di ricostruzione. La prima casa di Floridia è quella ubicata in via Roma subito dopo la casa ad angolo in via Silvio Pellico; vale la pena osservare che, ancora oggi, si ha la moda di costruire le case di "24 palmi di vacante", la misura obbligatoria su cui si doveva basare ogni famiglia che avesse l'intenzione di costruire una casa. Sin dal passato, le vie principali del paese, erano la via Roma, la via Archimede, e il corso. In esse le giornate erano molto movimentate. Dalla parte più bassa del paese, il viale, sorgeva la stazione ferroviaria di Floridia che metteva in comunicazione essa con gli altri paesi della provincia. Nonostante la crescita costante del paese, il maggior luogo di incontro era il centro storico, dove fanno parte le due piazze, piazza Umberto I e la piazza del popolo. In mezzo ad esse, fu costruita circa nella metà del quindicesimo secolo, la Chiesa Madre.
Un tempo, le periferie e i quartieri oggi esistenti, lasciavano spazio a enormi distese di campagne dove venivano praticate l'allevamento e l'agricoltura di agrumi e prodotto del luogo (olive, mandorle, ecc.).
Intorno al 1907, via Giusti, iniziò la costruzione dell'istituto di beneficenza, successivamente, nel 1932, vennero eseguiti i lavori di ampliamento e nel 1934, venivamo poste quattro lastre di bronzo in memoria dei 216 caduti nella prima guerra mondiale.

Architetture religiose



Chiesa Madonna del Carmelo



Chiesa San Bartolomeo apostolo (Matrice)
Chiesa Sant'Antonio
Chiesa Madonna del Carmine (soprastante l'antica Cripta)
Chiesa Sant'Anna (soprastante la Chiesa Santa Flora)
Chiesa Santa Flora (sottostante la Chiesa Sant'Anna)
Chiesa Madonna delle Grazie al giardinello (origine spagnola)
Chiesa San Francesco d'Assisi
Chiesa Santa Lucia
Chiesa Santo Spirito
Chiesa San Giovanni Bosco
Istituto di Beneficenza - Monumento ai Caduti
Istituto Don Orione

Musei

Galleria Civica d'Arte Contemporanea, Piazza del Popolo, Palazzo Raeli;
Museo etnografico Nunzio Bruno, Piazza Umberto I;
Museo Francesco Lombardo di Giuseppe, Via Francesco Crispi,63.
Parco Storico Lucia Migliaccio, Via Archimede 118.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu